Mangiare (tanto cioccolato) senza sentirsi in colpa

Il segreto per una vita sana è mangiare cioccolato ogni giorno? 

Pochi cibi scatenano tanta soddisfazione e altrettanti sensi di colpa come il cioccolato. Pochi adorano le caramelle, le chewing-gum o la panna montata (anche se sono sempre “dolci”), mentre quasi ognuno adora il cioccolato.

Se pensate al cioccolato come ad un alimento per stare bene, non vi preoccuperete più di contare le calorie.

Uno degli effetti più piacevoli del cioccolato è la bella sensazione che lascia dopo che lo si è gustato.

Il cioccolato contiene oltre 300 sostanze chimiche e gli scienziati hanno provato a classificarle per capire l’origine del piacere che scatena questo alimento. La caffeina è la più nota. Vi si rintraccia anche la teobromina (un blando stimolante), la quale insieme al cioccolato può spiegare l’effetto euforizzante e la maggiore attenzione e vigilanza che dà l’ingestione di ogni prodotto a base di cacao. Un’altra sostanza è la feniletilamina (collegata alla famiglia delle amfetamine, le quali sono potenti stimolanti).

Tutte le ricette senza zucchero ma con il cioccolato disponibili su La dispensa del bodybuilder le trovi qui.

 

Il cioccolato, elisir degli dei, viene a mente se pensate ad un alimento lussurioso e non lo inserireste nell’elenco degli alimenti che fanno bene certo insieme ai broccoli e agli spinaci. Eppure sono sempre più numerosi gli articoli (anche su autorevoli riviste scientifiche) che ne elogiano i benefici.

Attenzione però perché considerare il cioccolato alla stessa stregua di un alimento sano può, al contrario, portare a problemi di salute e di sovrappeso.

Tipi di cioccolato e benefici

Fondente: contiene antiossidanti (chiamati “flavonoidi”) che si pensa fanno bene al cuore perché ridurrebbero il rischio di formazione di trombi e coaguli nel sangue. Inoltre gli antiossidanti contrastano i radicali liberi (perfino quest’ultimi possono creare problemi cardiaci). Altre sostanze presenti nel cioccolato sono l’acido oleico (un grasso monoinsaturi presente nell’olio d’oliva) e l’acido stearico (un grasso saturo che riduce il colesterolo cattivo).

Al latte: rispetto al cioccolato fondente contiene meno flavonoidi e una quantità maggiore di grassi del latte (i quali alzano il colesterolo cattivo).

Bianco: il meno salutare in assoluto perché non contiene flavonoidi e vi sono aggiunti zucchero e grassi del latte.

Pericoli del cioccolato

  • Rischio di obesità perché stipa tantissime calorie in pochi grammi.
  • Rischio di diabete perché gli zuccheri che contiene fanno impennare quelli nel vostro sangue causandovi uno sbalzo con una brusca discesa. Il risultato è una fame mostruosamente incontrollabile.

Alternative più sane e trucchi per minimizzare il danno

La maggioranza degli esperti consiglia di non privarsi del proprio cibo preferito.

Se consumate molta frutta, verdura, proteine e cereali, va ugualmente bene indulgere (moderatamente) nella cioccolata. Tenete comunque presente che quelle sono fonti migliori di antiossidanti.

Il momento migliore per consumare la cioccolata limitando i rischi è consumarla dopo un pasto, quando non avete più fame. Servitevene sempre piccole porzioni e date la preferenza al gelato light o al budino dietetico al gusto di cioccolato invece che ad una tavoletta.

I giorni che consumate del cioccolato non condite niente con salse pesanti a base di maionese.

  • Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzandolo, acconsenti.
  • OK
  • NO
  • Info?
  • Clicca qui